Il progetto: realtà di luoghi fantastici

“un viaggio nei sentieri dei briganti”

Il progetto “Le Vie dei Briganti” nasce dalla voglia da parte di un gruppo di ragazzi originari del luogo di far scoprire ai turisti il magico territorio della Tuscia. Il nome di questo progetto si deve al fatto che le zone tra la Maremma e la Tuscia sono state in passato dimora di briganti, come ad esempio Domenico Tiburzi capo della Banda del Lamone, Domenico Biagini (detto il curato), Luciano Fioravanti, David Biscarini.

L’intento è quello di ripercorre territori come la Selva del Lamone, il lago di Mezzano, Castro e la città di Vulci, il lago di Bolsena in vari modi: con percorsi in bicicletta, in sella ad un cavallo o a piedi a seguito di guide esperte che ne illustrano la storia. La scoperta del territorio è resa piacevole non solo dalla bellezza del paesaggio ma anche da esperienze degustative di prodotti tipici del luogo: formaggi, salumi, vini e tanto altro.

Alla fine della giornata esplorativa ad accogliere i turisti c’è lo chef Riccardo detto “Il Mago” dal nome del suo ristorante: “La Cantina del Mago”. La sua calorosa ospitalità è evidente fin da subito e la sua eccellente dote culinaria conquisterà tutti i palati con i piatti della tradizione. Per chi fosse interessato, Riccardo propone anche piccoli corsi di cucina inerenti ai piatti tipici della Tuscia.

A tutto ciò si aggiunge la possibilità di pernottamento e prima colazione con deliziosi dolci fatti in casa, presso il suggestivo “Covo dei Briganti”.